Che noia il geoblocking - ecco come bypassarlo

Last updated: 17 Dicembre, 2019
geo-blocking

Disclaimer: I link di affiliazione ci aiutano a offrire buoni contenuti. Scopri di più .

Cos’è il geoblocking?

Il Geoblocking è una tecnologia utilizzata da aziende e governi per limitare l’accesso ai siti web (o a determinati contenuti di tali siti web) in base alla tua posizione geografica.

Ad esempio, vivi in Germania e hai un abbonamento Netflix. Se vuoi guardare un programma televisivo americano, è probabile che non lo vedrai nella tua libreria Netflix. Perché? Il motivo è che è stato geobloccato da Netflix e reso disponibile solo ai residenti negli Stati Uniti. In poche parole, è questo il geoblocking.

Se il geoblocking fosse una persona, gli sputeresti sulla schiena e gli chiuderesti sempre la porta dell’ascensore in faccia.

fottuto geoblocking
Avvistato qui nel suo habit naturale.

Come funziona il geoblocking?

La tecnologia di georestrizione è utilizzata per raggiungere una serie di obiettivi:

  • Le società di media possono avere diversi accordi sul copyright in diversi paesi. Pertanto, spesso utilizzano il geoblocking per limitare l’accesso al materiale protetto da copyright per gli utenti di un determinato paese,
  • Prezzi diversi per gli utenti nei diversi paesi,
  • Accesso limitato ai contenuti nel rispetto delle leggi nazionali,
  • Accesso limitato ai contenuti ritenuti irrilevanti per gli utenti stranieri.

La popolarità di Netflix ha fatto molto per attirare l’attenzione del mondo su questo fenomeno. Eppure, indovina? Anche Netflix odia il geoblocking e ha volutamente ignorato le sollecitazioni a porre restrizioni più severe ai suoi contenuti. Come risultato, la piattaforma è riuscita a sviluppare una base di utenti in tutto il mondo ed è sul punto di affermarsi.

Quindi come funziona? Ci sono diversi modi, ma prima di tutto si deve affrontare il geoblocking basato su IP e carte di credito/conti bancari. Facciamo un passo alla volta.

Geoblocking

Quando si è connessi a Internet, ogni computer ha un numero univoco che lo identifica. Questo si chiama “indirizzo IP” o semplicemente “IP”. Contiene quattro sezioni, come ad esempio “138.147.147.91.243” o “205.10.180.131”. Se qualcuno conosce il tuo IP, conosce più di un semplice numero. Si potrebbe conoscere anche:

  • Il tuo fornitore di servizi Internet (ISP),
  • Il paese in cui ti trovi.

Quando accedi a qualche sito web o servizio, si può ottenere il tuo indirizzo IP e si può utilizzare il software di geolocalizzazione per determinare dove ti trovi. Una volta determinato, il sito o servizio visualizzerà contenuti su misura per la tua posizione.

Restrizioni per i bonifici bancari o con carta di credito

Alcuni siti o servizi non ritengono che sia sufficiente una restrizione in base alla posizione del tuo IP. Hanno ragione a pensarlo, ovviamente, e tra un attimo ti mostreremo il perché. Queste misure finanziarie sono difficili da aggirare – ti permetteranno solo di pagare beni o servizi utilizzando carte di pagamento registrate nei paesi giusti.

Come aggirare il geoblocking?

La conoscenza dovrebbe accessibile a tutti, ovunque. Internet è stato creato per questo motivo, ed ecco perché è così rivoluzionario. Grazie, ma non abbiamo alcun blocco di quel tipo!

Cosa possiamo fare? Beh, per cominciare, possiamo bypassare quasi interamente il geoblocking utilizzando modalità di travestimento simili ai ninja.

Ricorda che funziona principalmente leggendo il tuo IP. Possiamo usare queste informazioni a nostro vantaggio. C’è un enorme mercato di prodotti in grado di aggirare la geosfera nascondendo il tuo indirizzo reale. Diamo un’occhiata alle diverse opzioni.

1. VPN (Virtual Private Network)

Le VPN sono di gran lunga gli strumenti migliori e i più importanti in merito. Questo perché una buona VPN è molto di più di un semplice bypass per le misure di geoblocking.

Le Virtual Private Networks estendono la rete domestica e fanno sembrare che la connessione provenga da uno dei tanti server VPN. Questi strumenti ti consentono di scegliere un server in un particolare paese o città. Se si desidera accedere ai contenuti destinati alla popolazione americana, è sufficiente connettersi a un server VPN negli Stati Uniti. Inoltre, la maggior parte delle VPN criptano i tuoi dati, offrendo una grande protezione per le attività più sensibili (come il torrenting, ad esempio).

Il vantaggio che le VPN hanno rispetto alla concorrenza è che di solito sono aziende professionali, il cui business è quello di “stare al passo con i tempi”. In questo modo ci si può aspettare aggiornamenti costanti per affrontare nuove sfide.

Ci sono diverse opzioni VPN gratuite, ma queste sono spesso molto problematiche. E in ogni caso, ha senso investire un po’ di soldi per una buona VPN. La loro utilità cresce ogni momento che passa!

Queste 3 VPN sono le migliori per bypassare il geoblocking:

NordVPN, leader del settore per sicurezza, privacy e funzionalità - tra cui Tor Over VPN - vi offrirà un ulteriore livello di sicurezza per l'accesso a contenuti geo-bloccati, il tutto a partire da soli $2.99 al mese.
  • Sicurezza eccellente
  • La più grande lista di server sul mercato
  • Fantastica per Netflix
  • Buona per il torrenting
  • Molto semplice da usare
  • Prezzi accessibili
Sicurezza inattaccabile, sblocco geografico affidabile e velocità superiori alla media fanno di ExpressVPN una delle nostre VPN preferite. Uno strumento premium sotto ogni aspetto, prezzo incluso.
  • Sicurezza massima
  • Ricca lista dei server
  • Ottima per lo streaming
  • Molto buona per il torrenting
  • Molto veloce
  • Assistenza clienti 24/7
Essendo una delle VPN più popolari sul mercato, CyberGhost è il massimo in termini di sicurezza, facilità d'uso e sblocco dei contenuti. Anche se non è il cavallo più veloce della stalla, è comunque una scelta discreta per lo streaming e il torrenting.
  • Ricca lista dei server
  • Sicurezza solida
  • Molto facile da usare
  • Compatibile con Netflix
  • Buona per il torrenting
  • Assistenza live chat 24/7

2. Proxy service e Smart DNS

La principale differenza tra un proxy e una VPN è che quest’ultima metterà in sicurezza tutta la connessione. Nel frattempo, un proxy funziona su applicazioni specifiche, come il browser o il client BitTorrent. Entrambi nascondono il tuo IP reale, ma i proxy di solito non criptano i dati.

In sostanza, una buona VPN è più affidabile e universale – farà sembrare estraneo tutto ciò che riguarda il tuo comportamento online. Questa potrebbe non essere la preoccupazione maggiore se si è interessati solo allo streaming di contenuti geo-bloccati, ma lo troverai utile in altre situazioni.

Smart DNS è simile ai servizi proxy (o meglio, è un proxy di tipo diverso). In sostanza consente di utilizzare un DNS diverso (Domain Name Server) da quello fornito dal proprio ISP. La differenza principale tra un normale proxy e Smart DNS è che quest’ultimo devierà solo una parte del tuo traffico. Questo lo rende più veloce che usare un proxy o una VPN, ma è anche molto più limitato.

3. Tor (The Onion Router)

Il browser Tor è un altro strumento che consente di nascondere la tua posizione sul web. A causa della sua natura decentralizzata, Tor rende il tuo indirizzo IP molto più difficile da rintracciare ogni volta che si interagisce con i servizi web.

In poche parole, indirizza il tuo traffico online attraverso relè multipli gestiti da volontari, il che rende la tua posizione geografica quasi introvabile. La parte migliore? Tor è completamente gratuito!

Detto questo, anche il browser Tor ha dei lati negativi:

  • L’uso di Tor potrebbe essere illegale nel tuo paese
  • Alcuni relè Tor possono essere bloccati dai fornitori di servizi internet
  • Le velocità di connessione possono diminuire drasticamente quando si utilizza Tor

Il geoblocking è legale?

Il geoblocking è una zona grigia dal punto di vista giuridico. Infatti, solitamente dipende dal paese. La maggior parte dei paesi considera le georestrizioni come una parte necessaria degli accordi internazionali sul diritto d’autore e di licenza. Ciò include nazioni sviluppate come gli Stati Uniti, il Canada e l’Australia.

L’Unione europea, tuttavia, sembra percorrere una strada diversa. Nel dicembre 2018, l’Unione Europea ha emanato un divieto sul “blocco geografico ingiustificato”. Detto questo, questo divieto esclude grandi aziende come Netflix, Spotify e Steam. Ciò significa che i contenuti online per i quali la maggior parte di noi utilizza strumenti di elusione rimarranno bloccati nel prossimo futuro.

È legale bypassare il geoblocking?

Aggirare la legge è più o meno legale tanto quanto il geo-blocco: dove l’uso della VPN è legale, lo è anche bypassare i geo-blocchi.

Questo significa che anche se non puoi essere perseguito legalmente per aver sbloccato contenuti bloccati in una regione, il fornitore può bloccare il tuo account per aver violato i loro Termini di servizio o EULA. Il che non succede (quasi) mai.

Dopotutto, queste aziende continuano a realizzare profitti grazie ai canoni di abbonamento pagati dagli utenti che sbloccano i loro contenuti utilizzando VPN, proxy o servizi SmartDNS. Ciò pone la questione legale dell’aggiramento del geoblocking in un limbo infinito.

Quindi, lo sblocco geografico rimane sempre un reato molto facile da commettere. Trova un’applicazione e vai sul sicuro. Non c’è motivo per cui rimanere nel tuo piccolo angolo di internet. Con la tecnologia moderna, il mondo è nelle tue mani, divertiti!

Migliori provider VPN
NordVPN
9.6 / 10
Sicurezza eccellente
Molto semplice da usare
Pratiche di privacy impeccabili
Surfshark VPN
9.4 / 10
Crittografia avanzata
Situato in un paese favorevole alle VPN

Disclaimer: I link di affiliazione ci aiutano a offrire buoni contenuti. Scopri di più .

Non ci sono ancora commenti Non ci sono commenti
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share
Share
Thanks for your opinion!
Your comment will be checked for spam and approved as soon as possible.